FAQ

In questa pagina potrete trovare le risposte alle domande più frequenti riguardanti il polistirolo espanso ed il suo utilizzo. Con le nostre risposte vogliamo darvi più conoscenza e soddisfare le vostre curiosità.

Il polistirolo è riciclabile?

Si, il polistirolo è amico della natura perché un materiale inerte ed è riciclabile al 100%.
È igienico: funghi, batteri e altri microorganismi non vi si annidano perché non ha alcun valore nutritivo. Non presenta alcun rischio per la salute perché non rilascia sostanze nocive, è atossico perché non contiene CFC o HCF.
E' fatto di aria al 98%. Naturalmente non bisogna disperderlo nell'ambiente, ma questa accortezza vale per qualsiasi tipo di materiale riciclabile.

Esistono varie densità del polistirolo?

Si. Il polistirolo è prodotto in varie densità a secondo dell'utilizzo finale. Viene prodotto iniziando da una densità molto leggera particolarmente adatta all'imballaggio perché morbido, spugnoso, resistente, leggero e non incide sul peso della merce trasportata, meccanicamente assorbe bene gli urti; fino a elevate densità adatte alla realizzazione di imballi precisi e particolareggiati, o usato in altri settori per la realizzazione di strutture robuste, dove c'è necessità di durezza, precisione e durata nel tempo.

Il polistirolo espanso e il polistirene espanso sono lo stesso prodotto?

Si. Il polistirolo e il polistirene sono la stessa cosa. La materia prima del polistirolo è il polimero dello stirene, quindi da qui il nome più tecnico Polistirene.

Il polistirolo si può verniciare, trattare o rivestire?

Certamente. Il polistirolo può essere trattato con qualsiasi prodotto a base acquosa e privo di solventi. Ad oggi il mercato offre una vasta scelta di prodotti per colorare e indurire.

Il polistirolo o polistirene è ignifugo?

Si, può essere prodotto anche in forma ignifuga.

La Aspo s.n.c. di Braga Nadia & C. - P.iva 02852960174 - C.F. 02852960174 - Reg. Imp. Brescia REA BS 297881 - Cap. Sociale: € 10.329,14 i.v.